Giornale settembre 2022

Il caldo più intenso è passato. Le temperature sono ancora superiori ai 30 gradi, ma stare fuori al sole è più sopportabile. Le serate si accorciano sensibilmente, così dopo la cena rimane una piccola ora per svolgere le attività all'aperto. La natura sta lentamente tornando a vivere e noi seguiamo il suo ritmo. Sempre più persone si recano ad Asharum Níjar, dedicando la propria vita a questo luogo. Huub, Andjani e Simran sono arrivati la scorsa settimana e si sono stabiliti nell'Asharum in modo permanente. Alla fine di agosto sono arrivate alcune nuove persone che viaggiavano nella zona alla ricerca di un nuovo stile di vita. Anche alcuni conoscenti di uno dei nostri residenti hanno visitato l'Asharum. Viviamo al servizio di ciò che è e ci adattiamo a ciò che la vita ci porta. Chiunque sia alla ricerca di un senso di orientamento o voglia raggiungere un atteggiamento aperto verso la vita, è il benvenuto a esplorare con noi.
Al momento approfittiamo di questi momenti di calma per prepararci all'imminente Ritiro del Silenzio, alla ripresa degli orti e all'ulteriore sviluppo del giardino.

Tramonto sull'Asharum

Il giardino dell'Asharum Nijar: Ritorno alle radici

La fine di agosto è caratterizzata dalla maturazione delle mandorle, dei fichi e dei melograni. I nostri mandorli si stanno ancora riprendendo dall'incuria degli anni precedenti al nostro arrivo, quindi il raccolto non è quello che potrebbe essere. Ci impegniamo ad aiutare gli alberi a rinascere e a fiorire. Essendo prossimi alla disidratazione, sono ancora molto suscettibili alle malattie e ai parassiti. Li stiamo curando con i nostri rimedi naturali, che consistono in olio di neem e tè di compost, e stiamo arricchendo il terreno con ulteriori sostanze nutritive sotto forma di letame di cavallo, compost e molta acqua extra.

Gli alberi di fico e di melograno sono più resistenti alla siccità e stanno producendo in abbondanza. Abbiamo essiccato i fichi e ne abbiamo ricavato una marmellata e abbiamo intenzione di preparare anche un chutney. Con la nostra meravigliosa pressa a mano per le arance, possiamo anche fare il succo di melograno, in modo da garantire a tutti coloro che sono qui un apporto quotidiano di sostanze nutritive e antiossidanti. 

I piani per i nostri orti per la prossima stagione (da settembre a dicembre) sono già stati fatti. Sperimenteremo campi più grandi di manioca, igname e patate dolci. Abbiamo anche in programma di creare altri due cerchi di banane, dato che il primo sta dando una sensazione di rigogliosità all'orto. Poi pianteremo crucifere (ortaggi della famiglia delle Brassicaceae, come broccoli, cavolfiori, cavoli di palma e bietole) e verdure da ombra (ortaggi della famiglia delle Solanaceae, come pomodori, melanzane, paprika e peperoni). Individuare le esigenze delle piante, scoprire i limiti imposti dal clima locale e trovare un equilibrio con le nostre esigenze nutrizionali è una delle sfide che stiamo vivendo. 


Primo raccolto di zucche

Anche se viviamo ai margini del deserto, la zona è dotata di un ingegnoso sistema di canali d'acqua provenienti dalle montagne innevate della Sierra Nevada. La costruzione di questa rete di canali di irrigazione, nota come acequiasè stata iniziata dai Romani e perfezionata dai Mori islamici di origine araba e berbera. La parola "acequia" deriva dall'antico termine arabo "as-saqiya", che significa sia portatore d'acqua che barista. Centinaia di chilometri di acequia I canali, oggi rialzati e rivestiti di cemento, attingono alle falde acquifere della Sierra Nevada, da cui riceviamo circa 5,5 ore d'acqua ogni 21 giorni. Viviamo davvero in un'oasi, perché oltre a questi canali, sotto i nostri piedi c'è una grande falda acquifera sotterranea. Da lì possiamo pompare acqua extra ogni volta che vogliamo.

La scorsa settimana abbiamo potuto ricevere una dose extra di acqua dal sistema secolare. Potevamo prenderne tanta quanta ne potevamo usare, quindi per prima cosa abbiamo quasi svuotato il nostro deposito d'acqua (la nostra embalse come lo chiamiamo noi in spagnolo) e ha allagato gran parte del nostro terreno e ha dato acqua in più agli alberi più vecchi. Per darvi un'idea della quantità d'acqua di cui stiamo parlando, la embalse è profonda circa 2,5 m, lunga 10 m e larga 7 m, quindi può contenere circa 175.000 litri d'acqua. Si tratta di una stima bassa, che non include il piccolo embalse sulla terrazza inferiore. Così, dopo aver quasi svuotato il embalselasciando meno di mezzo metro d'acqua per consentire ai pesci di sopravvivere, abbiamo riempito la vasca di raccolta. embalse durante la notte con l'acqua fresca delle montagne. L'acqua nel nostro embalse non è mai stato così limpido e invita a fare un tuffo anche nelle ore più calde della giornata. 

Costruire e migliorare di più

Le due nuove stanze saranno terminate prima del ritiro, il che è un ottimo tempismo perché abbiamo ricevuto molte richieste per il ritiro e con queste stanze in più possiamo ospitare 7 persone in una sola stanza. La terrazza di fronte alle camere sarà piastrellata in stile andaluso e anche la cucina sarà utilizzata prima dell'imminente ritiro silenzioso.

Dopo questo progetto edilizio, vorremmo iniziare con il fulcro dell'Asharum: la nostra sala di meditazione. Esiste già un grande edificio che intendiamo ristrutturare per farne una sala di meditazione e, nel caso vi fosse sfuggito, stiamo cercando fondi per realizzare questo prossimo passo, dato che i prezzi dei materiali sono saliti alle stelle. Poiché non vediamo alcun sollievo nell'aumento dei costi dei materiali, vorremmo iniziare il prima possibile. Le nostre risorse disponibili sono state spese per costruire le camere per gli ospiti e per piantare e curare gli alberi e il giardino, quindi abbiamo aperto la possibilità di donazioni (esenti da tasse) o di prenotazioni anticipate, dove per una certa somma si riceve un certo numero di notti che si possono trascorrere a proprio piacimento. Se desiderate saperne di più sulle possibilità di donazione o di contributo, contattateci tramite contact@livingnam.org

Condividi :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.