Giornale gennaio 2024

Prologo

La mattina in cui scrivo e redigo questo diario è arrivato un nuovo operaio edile. Aveva sentito parlare di questo posto ed era curioso di vedere com'era la nostra "iglesia", come ha detto il suo collega rumeno ortodosso. L'uomo veniva dal Marocco ed era rimasto colpito dall'elegante semplicità della nostra sala di meditazione. "De qué religión eres?", ha chiesto. Una domanda interessante, perché tutte le religioni puntano alla stessa essenza. Così gli ho risposto: "Le persone che vengono qui non appartengono a una religione specifica. Siamo semplicemente esseri umani che condividono la stessa essenza". "Come noi musulmani!", ha detto. "Non siamo forse tutti nati dalla stessa fonte? Quindi, siamo fratelli e sorelle!". E prima che me ne rendessi conto, mi ha abbracciato con gioia come se fossi uno dei suoi. Che inizio di giornata!


Dicembre

In questa newsletter lo scrittore ospite Andree condivide con noi alcune esperienze. Andree introduce anche un nuovo sviluppo, destinato ad arricchire i futuri soggiorni nel Giardino di Nâm. Andree vive e lavora qui fin dall'inizio. Il mese di dicembre è caratterizzato dalle eclissi di sole e dal ritorno della luce.

Esperienza 1 - Que la Paz sea contigo!

"Ogni anno (e ora per la terza volta) prepariamo dei biscotti per tutti i vicini e i parenti di Nijar. Sono fatti con mandorle, uvetta, datteri e un po' di miele; puri e gustosi. Li confezioniamo in sacchetti di carta insieme a 6 arance - di cui ne abbiamo tante! - e li decoriamo con cuori gialli con la scritta "Que la Paz sea contigo!". I vicini apprezzano questo gesto. A volte riceviamo un bacio, a volte un sacchetto con pomodori, zucchine... e naturalmente cetrioli. (Riceviamo così tanti cetrioli che i cetrioli fritti, la zuppa di cetrioli, i cetrioli con lo yogurt, le insalate di cetrioli sono spesso nel menu nel "tempo dei cetrioli"). È bello rendersi conto che abbiamo conosciuto più persone nel villaggio, che abbiamo fatto nuove amicizie e che per tutti noi, anche per i principianti, il nostro spagnolo parlato è migliorato!".

Esperienza 2 - Lavorare nell'orto

Si parla di cetrioli: "Ogni anno, dopo il caldo, iniziamo un nuovo ciclo con l'orto. Da metà settembre, ottobre e così via. L'estate è così calda, con i suoi 35 gradi, che lavorare nell'orto è troppo caldo e i semi e le piantine dei nuovi ortaggi si seccano. Quest'anno abbiamo avuto problemi con le cavallette che sono arrivate in gruppi enormi, mangiando tutti i piccoli ortaggi. Hanno prodotto i loro piccoli nei nostri cumuli di compost, non usiamo insetticidi, quindi hanno deciso di rimanere con noi. Ora abbiamo molte piante sotto reti o teli, tranne le patate, le cipolle e l'aglio, che a loro non piacciono.

Abbiamo raccolto insalata verde, ravanelli e quasi 150 chili di patate. Abbiamo piantato cavoli rossi e verdi, cavolfiori, broccoli, barbabietole, carote... e molte cipolle rosse e bianche. Questi ortaggi crescevano bene l'anno scorso; le melanzane invece non sono sopravvissute, anche se ci abbiamo provato spesso. È bello lavorare nell'orto: preparare il terreno, rimuovere migliaia di sassi, aggiungere compost, curare i semi e le piantine, piantare, annaffiare, rimuovere le erbacce, aggiungere altro compost. Preparare nuovi campi. C'è sempre qualcosa da fare per tutti e ora, in inverno, la temperatura si aggira tra i 20 e i 24 gradi al giorno, una temperatura molto piacevole per il giardinaggio!".

Riunioni nel Giardino di Nâm

Notiamo il nostro radicamento regionale mentre vediamo sempre più persone che si uniscono al Raduno settimanale con Yoginâm. Alcuni sono stati indirizzati qui da persone incontrate durante i loro viaggi. Risuona l'antica alchimia di Al-Andalus, dove culture e provenienze diverse si incontravano e convivevano, per lo più in un'atmosfera aperta e rispettosa. Qualcosa che traspare nella prossima impressione di Andree.

Esperienza 3 - Andree in Oezbekistan

"Da bambino ammiravo una foto su una rivista: le rovine di una moschea, una madrasa, un gruppo di uomini con lunghe barbe grigie vestiti di bianco e un ragazzo con uno scialle bianco intorno alla testa. Volevo essere quel ragazzo... C'era scritto: Samarcanda. Volevo andarci! Finalmente, all'età di 70 anni e dopo aver vissuto per 3 anni nel Giardino di Nâm Living, sono andato. Per la prima volta da solo verso l'ignoto e preparato con l'aiuto di Google sul mio telefono.

Mi sono divertito; le vecchie città erano completamente rinnovate, non c'erano più rovine, le lunghe barbe grigie erano sparite o corte, i vestiti blu scuro e lo smartphone in mano. Ma le città erano vive e ho incontrato molte persone amichevoli. Le relazioni sociali e la vita quotidiana sono organizzate intorno alla spiritualità, senza obblighi e oppressioni. Per strada ci sono cartelli informativi che aiutano a ricordare quando è l'ora della preghiera. Un ragazzo mi ha spiegato come si prega: si tengono le mani come una ciotola, si raccoglie Allah in essa. Quando la preghiera è finita, si porta la ciotola agli occhi e si avvolgono le mani lungo il viso. E poi sei Allah! Le persone pregano per strada, mentre altre camminano semplicemente. Si riuniscono nel parco o nelle piazze per fare un picnic, giocare a backgammon, guardare film sul cellulare e per gli insegnamenti. Gli anziani dei villaggi vengono in moderne auto da turismo per pregare vicino alle tombe dei saggi e nelle moschee e per godersi i bei giardini e il cibo nei ristoranti all'aperto. Intorno ai monasteri sufi c'è sempre molta gente. Nelle vecchie madrasa si trovano ora piccole botteghe di artigiani, dove si praticano e si rinnovano gli antichi metodi di intaglio del legno, di pittura in miniatura, di fabbricazione di gioielli, di borse di cuoio e, naturalmente, di ricamo. Ho adocchiato i cappotti di pelle di pecora dell'Afghanistan con ricami degli anni Sessanta. Molto belli, ma solo per uomini molto alti.

Nella metropolitana, negli autobus, nei treni, che possono essere molto pieni, tutti si comportano in modo gentile, rispettoso. Sulle banchine, alla stazione degli autobus, ci sono ovunque persone in uniforme d'epoca. Nei treni, ogni carrozza ha il suo custode, pronto ad aiutare con i bagagli, a servire il tè, ad aiutare a trovare il proprio posto. Ovunque mi sentivo completamente al sicuro. E non ho mai dovuto portare una valigia da sola. La comunicazione non è stata sempre possibile. Non so parlare uzbeko, tadzjik o russo e la maggior parte delle persone conosce solo due frasi in inglese: "Come ti chiami?" e "Da dove vieni?". Ho incontrato alcuni giovani che avevano imparato o stavano studiando l'inglese. Mi ha sorpreso la loro apertura e saggezza nel parlare della vita nella loro parte di mondo. Mentre in Iran i giovani desideravano andare in America e diventare ricchi, gli uzbeki sembrano essere felici e orgogliosi della loro storia, delle loro tradizioni e della loro spiritualità e talvolta criticano (in modo educato e blando) la politica imperialistica dei Paesi occidentali e dei fratelli maggiori, Russia e Cina.

Alla fine di questo viaggio è stato bello tornare nel Giardino di Nâm Living, dove vivono i miei cani e la gente si riunisce e - come suona il consiglio del Maestro Sufi del X secolo, Sheikh Abu Bar Sayid - cerca Allah nella comunicazione con le persone intorno a loro".

Una nuova opzione per arricchire il vostro soggiorno

Il Giardino di Nâm sembra essere un luogo dove si può esplorare la propria nicchia unica e viverla in modo da servire gli altri. Una delle meraviglie che vediamo regolarmente è che le persone trovano il modo di esprimere i loro talenti naturali. Per godere della bellezza che arricchisce l'anima dell'ambiente unico di questa oasi andalusa, a partire dalla prossima primavera offriremo diverse escursioni. E indovinate chi sarà l'organizzatore?

Escursioni con Andree

"Le escursioni includono alcuni monumenti storici culturali come la Cattedrale e l'enorme castello, l'Alcazaba, il primo chiostro europeo delle suore e la città vecchia di Almeria. Vicino a Nijar si trovano le spiagge più belle del parco naturale di Cabo the Gata, Playa Playazo, Playa Genoveses e Playa Monsul. In inverno questa zona è molto bella per le escursioni e in estate si può nuotare, fare snorkeling per vedere i colorati pesci tropicali e, se c'è vento da sud-est, questo è un buon posto per fare surf o body board. C'è anche la possibilità di visitare i paesaggi desertici intorno a Nijar, in direzione di Tabernas e Lucainena. Per vivere il deserto, il suo silenzio e la sua bellezza, i tipi di rocce e per conoscere il potere medico della sua vegetazione. In questa gita visitiamo un piccolo negozio con ottimi medicinali a base di erbe autentiche! Queste escursioni iniziano subito dopo la meditazione mattutina alle 10.30 e durano fino all'ora di pranzo, alle 14.30, e sono pensate per un gruppo da 1 a 4 persone. Stiamo valutando l'acquisto di un piccolo autobus per permettere a più persone di partecipare. Chiunque abbia idee in merito è il benvenuto!".


Epilogo

Andree conclude con un invito: "Godetevi la possibilità di combinare l'energia amorevole e avvolgente dello Yoginâm, la bellezza del Giardino di Nâm Living, l'acqua salata del mare sulla pelle, le più belle esperienze nella natura e un'importante condivisione in un soggiorno che contribuisce notevolmente a tutti i livelli di benessere. E tutto questo durante 350 giorni di sole all'anno!". Benvenuti!

Che la pace sia su di voi

Condividi :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.