Giornale novembre 2021

Negli ultimi mesi abbiamo avuto una casa al completo e anche il mese prossimo tutte le camere sono occupate. L'aiuto supplementare è stato molto gradito e siamo lieti di constatare che tutti gli ospiti non vedono l'ora di tornare qui al momento della partenza. Nel frattempo ci siamo trasferiti all'interno per i pasti serali e ora serviamo tutti i pasti a buffet. Abbiamo fatto progressi con le attività di costruzione e la presenza di Edwin si è concretizzata, poiché il muro che sta costruendo sta diventando sempre più evidente.

Il continuo andirivieni di ospiti sfida lo staff a offrire un ritmo stabile durante la giornata, assicurandosi che i servizi e il cibo siano di qualità sufficiente e che tutti abbiano lo spazio per contribuire e contemplare l'insieme in modo equilibrato. Con gratitudine, amorevolezza e rispetto, tutti coloro che partecipano a questa meravigliosa avventura mirano a trovare un modo armonioso di vivere. Con noi stessi, con gli altri e con tutto ciò che esiste.

Il giardino dell'Asharum Nijar: Ritorno alle radici

I cavolfiori, i cavoli, i broccoli e le rape che abbiamo piantato il mese scorso stanno crescendo bene e il campo di patate è ogni giorno più bello. Poiché il terreno è ancora piuttosto duro, nonostante il concime e il compost che abbiamo aggiunto, è necessario allentarlo di tanto in tanto. Nei giorni scorsi è piovuto parecchio, quindi le erbacce spunteranno e i campi avranno bisogno di altre attenzioni. Abbiamo piantato molte cipolle con l'aiuto dei genitori di Tim che hanno visitato la zona. Irma, Louise e Wabke hanno piantato anche altri cavoli, fagioli e insalata, così avremo molte cene nutrienti nei prossimi mesi. Marijke ha fatto un lavoro straordinario nel progettare i campi, in modo che l'orto inferiore non sia fatto a quadrati ma più circolare.

Questo mese abbiamo piantato una dozzina di nuovi alberi e circa la stessa quantità di arbusti. Uli, un amico di lunga data della nostra comunità, ha aiutato a dissodare e livellare il terreno in alcune parti per fare spazio a questi alberi. Nel giardino ora ci sono anche un ciliegio, un noce, una nettarina, un pesco, una chirimoya, un'altra palma da dattero e altri sei gelsi. Accanto a questi abbiamo piantato noccioli, lamponi, altri gelsomini e diverse piante rampicanti che decoreranno i muri con foglie e fiori. Siamo molto grati a una coppia di amici del villaggio che ci ha donato due alberi esotici provenienti dal Bangladesh che hanno fatto germogliare a Nijar a partire dai semi. Uno è un albero Jamun o Jambul (Syzygium cumini) che può diventare piuttosto grande e l'altro è un giuggiolo (Ziziphus mauritania). Entrambi sono sempreverdi e speriamo che ci regalino i loro frutti. Abbiamo in programma di piantare altri alberi il mese prossimo e, con l'aiuto di due esperte signore di un negozio di piante locale, stiamo cercando alberi specifici da piantare nel nostro giardino, come consigliato da Chris.

Attualmente le arance e i mandarini si stanno trasformando da verdi ad arancioni e questo crea un effetto molto gradevole e colorato in tutto il giardino. Stiamo ancora raccogliendo fichi freschi ogni giorno e tutti hanno contribuito alla raccolta di circa 250 kg di olive, la maggior parte delle quali è stata portata in un frantoio locale per essere trasformata in olio d'oliva. Con l'aiuto di Lillian, un'altra amica di lunga data della nostra comunità che viene a trovarci e ci aiuta regolarmente, Andrée ha preparato un sacco di vasetti con olive infuse alle erbe locali.

Nell'ultimo mese c'è stata un'esplosione di grilli e cavallette che amano cibarsi delle nuove foglie dei giovani alberi e degli ortaggi. L'uso dell'olio di Neem aiuta in qualche modo a prevenire questo fenomeno e, in quest'ottica, siamo fortunati che ci sia stata un po' di pioggia e che le temperature siano state leggermente più basse della media, per cui non si sono trasformate in una piaga.

Costruire e migliorare di più

Nelle ultime settimane la nostra sede è stata molto occupata dai lavoratori. Iniziano alle 8 del mattino, quindi il nostro silenzio mattutino è più un silenzio interiore in questi giorni. Ormai li conosciamo bene e riescono a fare il loro lavoro, mentre noi viviamo qui e riceviamo ospiti. Cercano anche di rispettare il nostro momento di meditazione mattutina, riducendo al minimo i rumori dell'edificio intorno alle 10 del mattino. I miglioramenti graduali ci incoraggiano a mantenere l'atmosfera e la bellezza di questo luogo, mentre si abbattono muri, si tagliano pietre e si accumulano sabbia, cemento e altri materiali intorno al nostro ingresso al giardino.

Nelle prossime settimane l'attuale sala da meditazione e da pranzo sarà abbellita da una nuova parete rivolta a est e da un pavimento piastrellato, per cui, mentre siamo al completo e l'autunno è alle porte, dovremo essere flessibili e creativi nel fornire un'esperienza ottimale ai nostri ospiti. La stanza in più (la quinta) è quasi terminata e promette di essere una grande aggiunta alle nostre strutture. Dopo questi lavori, ci sono altri progetti per migliorare l'Asharum, come ulteriori posti auto, una terrazza per i pasti e la tanto attesa nuova cucina. I prossimi mesi saranno molto emozionanti e speriamo di poter accogliere tutti in un ambiente consolidato nel nuovo anno.

Condividi :

3 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.