Giornale marzo 2023

Il breve mese di febbraio è passato velocemente e le temperature hanno iniziato a salire a metà mese, dandoci una sensazione di primavera. Anche se ci sono stati alcuni giorni di pioggia, vorremmo vedere altre piogge in questa stagione, anche per dare un buon inizio alle piante che stiamo piantando in queste settimane. In generale ci siamo presi il tempo di organizzarci, sia in giardino che in casa e in cucina. Preparando il luogo a ricevere più ospiti nei prossimi mesi, pianificando i nostri Ritiri del Silenzio e promuovendo alcuni altri eventi sul nostro sito web asharumnijar.org, piantando più alberi nel giardino e lavorando a un sistema di prenotazione, che sarà presto lanciato. Il tutto per migliorare l'esperienza dei nostri ospiti, per creare un luogo di bellezza, dove le persone si sentano accolte e possano scoprire come il vero significato e la gioia possano emergere se la vita è vissuta al servizio di ciò che è.

Lentamente ma costantemente, aumentiamo la nostra interazione con l'ambiente circostante. Sviluppiamo buoni contatti con i nostri vicini, alcuni di noi prendono lezioni di spagnolo da un insegnante privato locale, altri lavorano di tanto in tanto nella "tasca" (una specie di taverna dove la gente del posto va a bere e a mangiare) nel centro storico di Nijar e altri nostri amici conosciuti si stanno stabilendo in paese. Poiché è troppo facile vivere in una piccola bolla in cui tutti ci divertiamo e accogliamo i nostri amici conosciuti, accogliamo questi sviluppi, perché la vita è aperta e consiste in una continua interazione con tutto il resto, e noi e la nostra presenza dovremmo rifletterlo.

Il giardino dell'Asharum Nijar: Ritorno al Roots

Sono state acquistate alcune piccole serre in cui possiamo controllare meglio la temperatura e l'umidità in questo clima. L'attuale serra più grande sarà trasformata in una "casa d'ombra" dove, in estate, le piante che hanno bisogno di un po' d'ombra e che non possono o non sono ancora state piantate potranno sopravvivere al sole cocente dell'estate andalusa. Dall'orto ora si possono raccogliere soprattutto broccoli e cipolle e stiamo sperimentando la fermentazione del cavolo rosso. Tra una settimana circa vedremo se il risultato sarà soddisfacente o se dovremo continuare a sperimentare per un po'.

Nell'ultima settimana sono stati piantati molti nuovi alberi nel giardino. Si è scelto di puntare su alberi locali per dare al giardino un aspetto completo, pur lasciando ampio spazio alla sperimentazione di specie più straordinarie. Per ora sono stati aggiunti ulivi, mandorli e melograni, oltre ad alcune palme da dattero, un pompelmo e un melo. Per alcuni giorni, sia i residenti dell'Ermitage che quelli dell'Asharum si sono uniti all'attività di acquisto degli alberi e di dare loro una nuova casa: scavare buche, piantare pali nel terreno, mescolare il terreno con compost e letame, legare gli alberi ai pali per aiutarli a resistere ai forti venti e collegarli al sistema di irrigazione. In pochi giorni più di 30 alberi sono stati aggiunti al giardino. Lavorare insieme, come una macchina ben oliata, accompagnati dal cinguettio degli uccelli, vedendo l'immediato miglioramento del giardino, è stata un'esperienza gioiosa per tutti noi. Prendendoci cura degli alberi e l'uno dell'altro nei prossimi anni, speriamo di condividere ed estendere questa gioia nel modo più ampio possibile.

Costruire e migliorare di più

L'edificio che ospiterà il capanno degli attrezzi e l'officina, accanto al Santuario, si sta costruendo con grande rapidità. Il mese scorso sono iniziati i lavori al suolo e attualmente si sta costruendo il tetto. Questo nuovo edificio è più grande del previsto e siamo in grado di includere un ripostiglio extra, cosa molto gradita. L'edificio si affaccia sul giardino, estendendo il recinto dei nostri edifici in modo splendido.

Condividi :

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.

Rimanete aggiornati

Vi piace il nostro progetto?

Iscrivetevi alla nostra newsletter e riceverete la rivista mensile sulla vostra e-mail.

Non facciamo mai spam, anche a noi non piace.